Immaginate una ragazza che ha una passione sfrenata per un personaggio famoso (potrei essere io, ad esempio).
Questa ragazza sta per sposarsi (ok, non sono io) e il suo sogno più grande è quello che il suo idolo partecipi alle sue nozze e che addirittura abbia un ruolo importantissimo nella cerimonia.
Sognare è gratis, ma la realtà è un’altra cosa, soprattutto quando l’idolo in questione è una rockstar di fama internazionale.
Ma qualche volta i sogni si avverano, soprattutto se li si aiuta un po’.

La ragazza in questione si chiama Branka, è australiana e qualche mese fa ha organizzato tutto alla perfezione.
Ha deciso di sposarsi nella Graceland Chapel a Las Vegas, la stessa dove nel 1989 si è sposato anche il suo idolo.

sogni-jbj

Ha scelto come data del matrimonio il giorno in cui il suo beniamino sarebbe stato in città per una data del suo tour mondiale, ha aperto un sito internet e una pagina Facebook in cui ha pubblicizzato il suo sogno chiedendo a chiunque avesse letto il suo appello di far girare la voce in modo che il passaparola arrivasse a lui. Ed è persino riuscita a farsi intervistare da una radio del paese di questo cantante (che non è australiano come lei).

Ebbene, la sua intraprendenza ha vinto e le ha permesso di realizzare un sogno in cui pochi probabilmente avevano creduto. Lui è arrivato, bello come il sole, non curante del concerto che avrebbe tenuto di lì a poco e ha accompagnato Branka all’altare (questo era il ruolo deciso dalla sposa), per consegnarla nelle mani dello sposo, come vuole la tradizione (anche se ci troviamo a Las Vegas ed è tutto un po’ più luccicante e meno convenzionale).

Ah, dimenticavo. L’idolo, la rockstar in questione è Jon Bon Jovi.
Uno a caso, eh? Non odiatemi, non posso farci niente se lui si rende sempre protagonista di cose bellissime che vale la pena di condividere!

Il nome dell’impresa (e degli spazi web dedicati) é “Bon Jovi, walk me down the aisle?” (“Bon Jovi, mi accompagni all’altare?”). Potete visitare la pagina Facebook  per approfondire.

Ed ecco anche le foto che ritraggono Branka e Jon Bon Jovi prima e dopo la cerimonia (foto prese dalla pagina Facebook ufficiale dell’evento):

sogni-jbj-2
sogni-jbj-3
sogni-jbj-4

Potere di una passione infinita, dei sogni, dei social network, degli americani e di JON BON JOVI!!!

Che gesto meraviglioso! Jon Bon Jovi non ha certo bisogno di pubblicità e non è stato sicuramente pagato per farlo, quindi è indubbiamente l’ennesima dimostrazione del fatto che lui è veramente un signore, sensibile non solo alle cause benefiche, ma anche quando la sua presenza può servire a realizzare i sogni di una ragazza come tante altre. Come fosse un amico, anzi di più, visto che spesso gli amici ti piantano in asso pur non avendo cinquantamila persone da intrattenere dopo qualche ora.
Se una ragazza italiana avesse avuto il coraggio di lanciare un appello simile rivolto ad un personaggio nostrano, con tutta probabilità l’invito non sarebbe stato raccolto neanche dall’ultimo dei vip dimenticato pure da sua madre.

E che dire di Branka? Invidia pura è la prima cosa che mi viene in mente. Non riesco neanche ad immaginare il mix di emozioni che può aver provato. Quelle tipiche di chi sta per sposarsi (a me sconosciute) unite a quelle di vedersi accompagnare all’altare dal tuo idolo (che poi è anche il mio! E pure queste non le immagino neanche!). Io sarei svenuta anche solo vedendolo avvicinarsi.

Inutile dire che il processo di immedesimazione è stato automatico: anch’io vorrei essere accompagnata all’altare da Jon (e quella sarebbe la mia prima prova d’amore: andare fino in fondo e sposare il mio fidanzato oppure ancorarmi saldamente al braccio di Jon e fuggire con lui anche senza il suo consenso?), solo che non ho nessuno da sposare!
La mia amica Flower, che poco fa si è guadagnata il soprannome di “genio del male”, mi ha suggerito di affittare sul momento un fidanzato solo per il tempo della cerimonia e poi annullare tutto, tanto è Las Vegas! Geniale!