Nella mia vita ho cambiato idea su tante cose e sicuramente ancora succederà.

Per esempio, una volta non sopportavo neanche l’idea del matrimonio, sarei arrivata davanti al Duomo di Milano in macchina pur di non prendere i mezzi e organizzavo sempre il Capodanno fuori.
Poi ad un certo punto ho iniziato a fare abbuffate di reality show a tema nozze (Enzo Miccio rulez!) sognando il mio che probabilmente non si celebrerà mai, ho cominciato ad apprezzare i mezzi pubblici, ma soprattutto ho sviluppato una forte antipatia nei confronti del Capodanno e questo sentimento negativo si autoalimenta ogni anno di più.

Le motivazioni? Semplicemente trovo che sia assurdo perdere tempo nell’organizzazione di una festa in cui, statisticamente, ci si diverte poco, si mangia male e si spende troppo.
Ci sono delle eccezioni ovviamente.
Soprattutto non sopporto l’obbligatorietà con cui alcune persone vivono questa ricorrenza e ti dicono scandalizzate che non puoi non festeggiare a Capodanno!
Ma quando mai! Posso, eccome se posso! Rivendico il mio sacrosanto diritto a non fare una beata mazza la sera dell’ultimo dell’anno. Fonderò un comitato, un’associazione, un movimento a favore di questa iniziativa.
Dovete sapere che più vedo fermento in giro e più mi passa la fantasia.

Quindi quando arriva questo periodo, puntuali come le tasse, arrivano sempre quelli che devono farti la domanda di rito.

capodanno
Ecco, non me la fate, per favore.

Se proprio non ce la fate a resistere, sappiate che, salvo aver trovato l’evento irripetibile (e in 36 anni li posso contare sulle dita di una sola mano e forse me ne avanza qualcuna), la mia risposta sarà: “pigiama, divano, imposte chiuse e vado a dormire forse anche prima della mezzanotte! E magari festeggio il 2 sera”.
Fatevi piacere la risposta e non cercate di convincermi che la maledizione dei Maya o di chissà chi altro si abbatterà contro di me e contro chi non festeggerà a Capodanno. Potrebbe finire a schifiu per voi.
Per non parlare poi di quel detto secondo il quale ci sarebbe una cosa che se la fai a Capodanno, la fai tutto l’anno e, al contrario, se non la fai il primo giorno dell’anno, trascorrerai un anno in bianco. Niente di più falso.

Capitolo a parte merita il Natale, verso cui nutro sentimenti molto positivi, anche se con qualche riserva, ma di questo magari ne parlerò un’altra volta.